Skip to content

Grana Padano

Un'eccellenza nata dall'opera dei monaci cistercensi nell'Abbazia di Chiaravalle

Sommario

foto di Marco Assini con licenza Attribuzione-Condividi allo stesso modo
foto di Marco Assini con licenza Attribuzione-Condividi allo stesso modo
Origini e Lavoro dei Monaci Cistercensi nell'Abbazia di Chiaravalle

L’Abbazia di Chiaravalle, situata nell’incantevole Parco Agricolo Sud Milano, è il luogo dove tutto è iniziato per il Grana Padano. Fondato dai monaci cistercensi, questo luogo fu scelto per la sua isolata tranquillità e la vicinanza al corso d’acqua del Vettabbia, vitale per le loro attività agricole. Inizialmente circondata da una vasta palude, l’abbazia fu oggetto di una massiccia opera di bonifica condotta dai monaci, con il supporto delle autorità locali, che permise l’agricoltura in una zona precedentemente inospitale.

Coltivazione della Terra e Innovazione
L’abilità dei monaci cistercensi nel lavoro dei campi e nella bonifica delle terre trasformò il territorio, rendendolo adatto alla coltivazione. Utilizzando tecniche innovative come il sistema della marcita, che consentiva la crescita continua dell’erba anche durante i mesi invernali, i monaci aumentarono la produttività agricola, producendo una vasta gamma di prodotti, tra cui latte, latticini, verdure e vino.
Storia della Produzione e Tutela del Grana Padano

L’abbondante produzione di latte portò i monaci a inventare un nuovo formaggio a pasta dura, cuocendo e salando il latte. Questo formaggio, chiamato “cacio”, presto divenne noto come Grana per la sua pasta granulosa. La fama di questo formaggio si diffuse rapidamente, diventando un alimento prezioso durante le carestie e un protagonista dei banchetti rinascimentali.
Nel corso del tempo, l’evoluzione della cultura gastronomica portò alla necessità di proteggere e definire le caratteristiche del Grana Padano. Nel 1951, il Consorzio per la tutela del Formaggio Grana Padano fu fondato per garantirne la qualità e l’autenticità. Nel 1996, il Grana Padano ottenne il riconoscimento DOP dall’Unione Europea, garantendo la sua provenienza e qualità.

Degustazione e Caratteristiche

GRANA_PADANO_Speck

Il Grana Padano DOP è prodotto con latte crudo di vacca, caglio, sale e lisozima, seguendo rigorose procedure di produzione. La sua degustazione è un’esperienza multisensoriale che coinvolge la vista, il tatto, l’olfatto, il gusto e persino l’udito. Con una gamma di stagionature che vanno da 9 mesi a oltre 20 mesi, il Grana Padano offre una varietà di sapori e aromi unici, dalla dolcezza alla sapidità, dalla consistenza elastica alla friabilità.

Un Prodotto Unico

Il Grana Padano è molto più di un formaggio: è un simbolo di tradizione, maestria e passione. La sua storia è intrecciata con quella dei monaci cistercensi e dell’Abbazia di Chiaravalle, e la sua qualità è garantita dalla dedizione dei produttori e dal rigido controllo del Consorzio di Tutela. Mangiare Grana Padano non è solo un piacere culinario, ma anche un modo per preservare e apprezzare un patrimonio di sapori e tradizioni millenarie.

Rosa Bianchi, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons
Rosa Bianchi, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons
Skip to content